Movimento delle Libertà
Il Movimento

"Le Comunità Italiane in Europa costituiscono una straordinaria risorsa per l'Italia, rappresentano un autentico fattore di sviluppo ed un grande vantaggio competitivo per il nostro sistema Paese".

La nascita del Movimento delle Libertà  (MDL) ha avuto luogo a Colonia il 18 novembre 2007 ed oggi continua la sua attività grazie al lavoro svolto in questi anni da alcuni suoi membri guidati dal Presidente Romagnoli.

Trovandoci in un moderno e complesso quadro di relazioni, le comunità  e gli imprenditori Italiani all'estero si riconoscono nel sistema Italia ed intendono "fare squadra" con le imprese italiane, per lavorare insieme sui mercati esteri per l'innovazione e per lo sviluppo.  

L'opportunità di aggregare le comunità e gli imprenditori Italiani operanti all'estero e poter così creare un network delle tante realtà  italiane nel mondo, ha portato alla costituzione del Movimento delle Libertà, promossa per raccogliere appunto tutto il "patrimonio di disponibilità  Italiano in Europa" finora disperso e non valorizzato.

Al Movimento delle Libertà possono aderire tutti coloro che risiedono in Europa e che si riconoscono nei valori liberal democratici europei.

Il Movimento delle Libertà è un'organizzazione totalmente indipendente e autofinanziata dagli associati, è costituita da una struttura operativa in Italia e da diversi uffici di rappresentanza in Europa. Operando in un'ottica di piena e fattiva collaborazione con tutti gli attori del sistema economico nazionale, il Movimento delle Libertà si propone come punto di incontro e di confronto, di scambio di esperienze, di contatti e di idee tra i connazionali residenti in Italia, instaurando un sistematico legame tra l'imprenditoria, la cultura e la diffusione di tradizioni e della lingua italiana.


I NOSTRI OBIETTIVI

1. Istituzione di un'universita telematica per gli Italiani all'estero;
2. Collaborazione e condivisione di idee con i rappresentanti degli Italiani all'estero.
3. Nomina di un consigliere comunale in ogni singolo comune Italiano come responsabile per i propri cittadini residenti all'estero;
4. Collaborazione con la Progresso Service per politiche di occupazione attraverso una banca dati di ricerca del lavoro;
5. Difesa legale per i cittadini Italiani all'estero affinché possano venire riconosciuti i propri diritti;
6. Difesa della ristorazione italiana con l'istituzione di un comitato;
7. Accesso ai Fondi Comunitari (EU) e delle Nazioni Unite (ONU) per l'imprenditoria italiana in Europa;
8. Difesa dei cittadini Italiani dagli abusi bancari e burocratici;
9. Opportunità  di inserimento nel mondo del lavoro per i giovani con l'acquisizione di corsi di formazione.


Condividi su:
Facebook Google LinkedIn Pinterest Tumblr Twitter Whatsapp Whatsapp

Il tuo indirizzo email:
Contatti | Login
Seguici su